A.C.D. SAN MARTINO - SPEME | I miracoli si costruiscono con l’orgoglio, Damini è il profeta (in prestito)
15112
post-template-default,single,single-post,postid-15112,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,locale-it-it,qode-listing-2.0,qode-lms-2.0.2,qode-social-login-2.0.1,qode-music-2.0.1,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,qode-restaurant-2.0,qode-tours-2.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

I miracoli si costruiscono con l’orgoglio, Damini è il profeta (in prestito)

I miracoli si costruiscono con l’orgoglio, Damini è il profeta (in prestito)

Juniores Elite A. S.Martino Speme – Cerealdocks Camisano.

La fotografia del miracolo è in due sequenze: primo tempo con Filippo Damini appollaiato a fianco della panchina, attento e passivo osservatore della gara e con Fabio Casarotto che come al solito si sbraccia per dirigere al meglio il Camisano 2.0 messo in campo. Non cambia atteggiamento il mister ospite ma è un Damini diverso nella ripresa e con lui tutta la squadra alla ricerca di un miracolo e alla fine trovato con l’orgoglio.
Speme, bestia nera del Camisano dunque,  agguanta i play-out  all’ultima partita di campionato. La squadra di Damini, ha raggiunto l’obbiettivo con una vittoria meritata, di misura come all’andata. Sia pure imbottito di riserve, il Camisano ha fatto vedere gioco accademico ma lezioso con poca efficacia, la Speme ci ha messo qualcosa in più, l’orgoglio e sul finire poteva pure arrotondare il vantaggio.
Si schernisce Filippo Damini (nella foto di copertina assieme a Walter Curti)  alla fine del primo tempo: “...io sono qua in prestito, non posso fare miracoli...” invece il miracolo l’ha fatto. Adesso lo aspetta il play out non facile col Dossobuono, tutto da vedere.


S.Martino Speme – Cerealdocks Camisano (0-0) 1-0 

S.Martino Speme: Bertasini, Brighente, Dolci, Cengiarotti, Costa, Faedo, Bel Fakin, Menegazzi, Fadini, Bersan, Marone a disp:Castagna, Sorgente, Savino, Danzi, Tarana, Peotta, Balde, Guenichi, Galiano. All Filippo Damini

Cerealdocks Camisano: D’Angelo, Bevilacqua, Sasarky, Corvi, Fanton, Dal Ceredo, Oliviero, Pastravanu, Viola, Manoli, Postal a disp: Aprile,Galliolo, Gerardi,Callegari, Kerrellaj, Sgreva, Affouda, Greggio, Cisse. All. Fabio Casarotto

Arbitro: Alessandro Bronzato di Legnago
Reti: 55′ Bel Fakin (SMS)

 

A S.Martino Buon Albergo la giornata è splendida, si gioca sul campo sintetico, i giocatori dello Speme sono piuttosto tesi all’inizio della partita, solo con una vittoria vanno ai play-out, ma di fronte hanno il Camisano vincitore del girone A, un avversario sempre ostico da affrontare.
Non ci sono azioni da segnalare nei primi minuti, il Camisano potrebbe passare in vantaggio al 29′ :Postal dalla destra supera bene il suo avversario,si accentra e delizia con un ottimo assist  Viola, il numero nove gira il tiro in porta sulla destra di Bertasini, il pallone scheggia il palo esterno,sarà l’unica azione pericolosa da rete dei vicentini.
Lo Speme ha un’occasione al 42′ con Marone: dalla destra lascia partire una gran botta,D’Angelo attento respinge di pugno,il portiere risulterà a fine gara il migliore dei suoi.

Il primo tempo finisce in parità, certamente un risultato che non piace a mister Damini, infatti nel secondo tempo è uno Speme a trazione anteriore, al 55′ passa in vantaggio: Bel Fakin riceve palla al limite dell’area e con un perfetto sinistro a giro piazza la palla nell’angolino basso alla destra dell’incolpevole D’Angelo.
Il Camisano è troppo spento, girandola di sostituzioni dalla panchina di Casarotto,lo Speme spinge sull’acceleratore per chiudere la partita,al 62′ Brighente dalla destra crossa per la testa di Fadini,l’attaccante alza sulla traversa di poco,lo stesso Fadini al 64′ si divora un goal incrociando troppo il tiro da due passi dalla porta.
Assedio costante dello Speme che vuole il raddoppio,ci prova anche Costa,il centrale difensivo prova dai venti metri,il suo tiro è potente e sfiora l’incrocio dei pali.
Al 72′ la punizione di Menegazzi non sorprende D’Angelo che compie un ottimo intervento, D’angelo ancora protagonista con i piedi neutralizza al  80′ un’ incursione di Cengiarotti, passa un minuto e Fadini dal vertice dell’area destra inventa un tiro diabolico, ma D’Angelo gli nega il goal deviando la palla  in tuffo sulla destra.
Altra palla goal per lo Speme: Balde mette in mezzo una splendida palla per Fadini,l’attaccante litiga con il pallone e svanisce l’opportunità. All’ 88′ Fadini  dalla destra serve Balde in mezzo, il numero diciotto non arriva in tempo per il tap-in vincente.
Al 90’+2 arriva il triplice fischio finale del signor Bronzato, meritato il successo dello Speme, ma ha fatto soffrire i propri tifosi fino all’ultimo minuto sprecando troppe occasioni da rete.

 

 

No Comments

Post A Comment